Kanalidarte apre le sue porte nel marzo 2009 con una mostra dedicata al Gruppo T milanese, insieme a lavori di Bonalumi, Castellani, Dadamaino, Grignani e Scheggi. A seguire una mostra di opere di Alviani e Munari esposte con quelle del Gruppo N di Padova. Presenta successivamente la più importante personale dedicata al solitario patriarca dell’arte contemporanea Louis Tomasello e, successivamente, anche la mostra del GRAV e la retrospettiva di Bernard Aubertin.

Essendo in grado di godere della stretta collaborazione con la storica galleria milanese Artestruktura, punto di riferimento internazionale per la diffusione dell’arte cinetica e programmata, Kanalidarte è da subito in grado di proporre alcune delle più importanti opere a livello internazionale dell’arte costruttivista, cinetica e programmata degli anni Sessanta e Settanta.

Ciò che ha suscitato determinazione nella giovane gallerista Afra Canali, che già aveva una travolgente passione per l’Op Art, è stata la sua presa di coscienza del fatto che in molte circostanze ben documentate, anche le più elementari  presentazioni mancavano, e non è stato reso omaggio, né è stata data dovuta attenzione all’Arte Cinetica e, in particolare, a quella Programmata in Italia.


Kanalidarte

art gallery

via Alberto Mario, 55 - Brescia


Kanalid'arte garreria d'arte